claim

Casa di cura e poliambulatorio

accreditato e convenzionato con il Servizio Socio Sanitario Nazionale

Sei in: Poliambulatorio > Gastroenterologia

Gastroscopia e ileo pancoloscopia

Gli strumenti flessibili non solo hanno determinato uno sviluppo rivoluzionario nella diagnostica gastroenterologica, ma si sono dimostrati, grazie all'oro progressivo sviluppo, anche essenziali nella terapia di molteplici patologiche gastro-intestinali, della via biliare e di quella pancreatica.
L'esofago-gastro-duedoscopia (di seguito EGDS) è una pratica molto diffusa che permette di esplorare accuratamente il tratto alimentare superiore sino al duodenoallo scopo di diagnosticare la presenza di:
-helicobacter pylori
-malattie infiammatorie
-lesioni ulcerative peptiche
-lesioni neoplastiche
-lesioni sanguinanti non ulcerative (telangectasie)
Nella nostra struttura usiamo gastroscopi per adulti, del calibro di 8mm, e per bambini, con calibro di 4mm; entrambi i modelli sono dotati di telecamere sul puntale che trasmettono immagini ad un modulo elettronico collegato ad un monitor sul quale vengono proiettate con adeguato ingrandimento.
Gli strumenti possiedono inoltre dei canali autonomi: uno deputato all'insufflazione di aria allo scopo di distendere le pareti viscerali per permetterne una più accurata indagine, un secondo per il lavaggio delle pareti stesse, per aspirazione dei secreti presenti e dello stesso liquido di lavaggio; un terzo canale operativo per l'inserimento di pinze da biopsia, di aghi-cannula per l’infiltrazione di sostanze emostatiche o di clips metalliche in caso di lesioni sanguinanti, di sostanze sclerosanti e di anse diatermiche per polipectomia.
Molti pazienti temono la gastroscopia e la loro naturale ansietà è spesso aggravata dalle storie orribili raccontate dagli “amici”. Una buona tecnica di lavoro, oltre a comprendere l'uso di farmaci antispastici, di tranquillanti (benzodiazepine) e di anestetici spray del cavo orale, si deve basare su un rapporto cordiale rassicurante da parte del medico operatore, tenuto a fornire tutte le spiegazioni sulla tecnica in uso e sui motivi e gli scopi dell'esame. I medici con una più lunga esperienza gastroenterologica sanno che una consultazione diretta del paziente prima dell'esame in merito ai suoi disturbi, alle cure già intraprese od alla presenza di contemporanei eventi morbosi, spesso serve a creare un rapporto immediato di fiducia che spezza la tensione emotiva rendendo molto più semplice l'indagine.
Questa del resto non è affatto dolorosa ma reca solo un lieve fastidio al paziente all'atto del passaggio dello strumento in esofago, del tutto simile a quello di un boccone di cibo ed a volte nemmeno percepito.
 
 
La ileo-pancolonscopia è un esame che permette lo studio del retto, del colon e dell'ultimo tratto dell'ileo  (piccolo intestino) possibile dopo il passaggio nella valvola ileo-cecale.
Lo strumento, di dimensioni maggiori rispetto ad uno gastroscopio  (diametro puntale di 12mm), ne ha le stesse caratteristiche operative.
Una colonscopia serve a diagnosticare la presenza di:
-malattie croniche infiammatorie
-diverticolosi
-polipi
-neoplasie maligne
-lesioni sanguinanti vascolari
l'esame deve essere preceduto da un'accurata pulizia intestinale allo scopo di permettere di individuare anche le più piccole lesioni; anche in questo caso, oltre ad un ideale rapporto tra medico e paziente, viene somministrato un cocktail di farmaci composto, oltre che dall'antispastico e dal tranquillante, da un farmaco antidolorifico che permette di evitare il fastidio nel passaggio delle curve intestinali, ovviamente l'esperienza derivante dal numero di esami eseguiti dall'operatore rende più semplice l’esame (spesso i pazienti dormono per tutta la sua durata) grazie all'introduzione di poco strumento rispetto alla lunghezza dell’intestino esplorato e riduce la possibilità di insorgenza di complicanze.
Durante entrambi gli esami vengono sempre monitorizzati i dati dei pazienti riguardanti i loro valori di pressori, la frequenza cardiaca e l'ossigenazione del sangue.
Nel nostro centro, per i soggetti più sensibili e timorosi, esiste la possibilità di eseguire sia EGDS che ileo-pancolonscopia in narcosi, mediante lo stesso anestetico (Propofol) che viene usato per la gastroenterologia dei bambini e dei lattanti e con assistenza anestesiologica.

Area riservata CASA DI CURA FONDAZIONE GAETANO PIERA BORGHI DI ANGELO BORGHI & C. SAS
Via Petrarca, 33 21020 BREBBIA (VA) - Tel. 0332 971333 - Fax 0332 971335 - P.IVA/CF 02779700125  
Direttore Sanitario Dr. Roberto Giani